RSS

Archivi tag: Vita

Il Sacco di Roma

Ogni invasione di Roma segna l’ingresso della civiltà in un tempo apocalittico, così è accaduto col Sacco di Alarico, con Porta Pia, con la Marcia fascista e così accadrà -forse- anche con l’orda degli indignados. Gli antichi conoscevano l’inviolabilità sacrale dell’Urbe e per questo ricordavano come intervento pressochè divino lo starnazzamento delle oche del Campidoglio, sacre a Giunone, che salvarono la capitale dall’invasione dei Galli. Oggi l’eclissi del sacro ci spinge a ripiegarci sui numeri impietosi della devastazione, la conta dei danni è oggi l’unica numerologia che interessa alla penna monumentale degli storici, surrogata in prima battuta da quella effimera dei giornalisti. Gli ideali degli uomini sorgono e tramontano, la violenza di Caino invece è imperitura, per questo l’unica analogia di questo infausto 15 ottobre con gli episodi degli anni ’70 sono le vetrine infrante, i poliziotti feriti e le statue della Vergine profanate. Il tramonto delle ideologie ha infatti comportato la spoliazione del peccato dal suo travestimento angelico, oggi il Nemico può già iniziare a presentarsi col suo vero volto senza più bisogno di rifarsi a scusanti ragionevoli o a filiazioni partitiche e -cosa ancor più grave- senza più timore di trovare ostacoli od oppositori consistenti davanti a sè; anche i buoni pretesti della manifestazione sono stati smessi a pochi minuti dal suo inizio, cosicchè abbiam potuto vedere uno scorcio di Inferno già su questa terra. Ciò che però si richiede a uno Stato, secondo il patto hobbesiano, è che eserciti pienamente la sua forza per conservare la vita dei suoi cittadini, nella quale sono compresi anche i loro beni, in caso contrario il patto è ipso facto decaduto e lo Stato cessa di essere legittimo. Ora, se è vero, come dicono, che è stato ordinato agli agenti di non reagire ma soltanto di resistere all’orda dei manifestanti, al fine di evitare “il morto”, ci viene da chiederci: a che scopo lo Stato continua ad esistere?

 
 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

“Guardatevi dagli uomini, perchè vi consegneranno ai loro tribunali” (Mt 10, 17)

A quanto si dice stanno preparando un processo al Papa nel sinedrio dell’Aja, e parafrasando Tertulliano possiamo dire: credimus quia absurdum! La follia e la superbia degli uomini segretamente uniti nel sodalizio sordido del peccato hanno esondato dagli argini del ridicolo e del grottesco, ormai qualsiasi falso pretesto è buono per chiamare in giudizio le pecorelle di Cristo e mandarle al macello della pubblica infamia, dinamica questa che è storicamente destinata a concludersi in qualche martirio di sangue. Altri hanno già chiarito esaustivamente le ragioni per cui non è possibile nè verosimile imputare a Benedetto XVI la responsabilità dei peccati dei suoi figli, come se a seguito di un omicidio arrestassero il padre o i docenti dell’omicida perchè sono stati loro a educarlo, questo è il compimento paradossale di una cultura antropologica che pensa gli uomini come tutti buoni di natura e di conseguenza fa ricadere i peccati dei figli sul gravame ereditario dei padri, che è il rovesciamento del noto proverbio scritturistico. Se questa cultura fosse vera allora la responsabilità di tutti i peccati del mondo sarebbe infine da imputare al Padreterno, non agli uomini che liberamente scelgono di seguire il Maligno, e bisognerebbe chiamare in giudizio Dio in persona…che è poi quanto è stato storicamente fatto a Gerusalemme nella notte in cui Egli fu tradito e consegnato prima al tribunale religioso di Caifa e poi a quello “laico” di Pilato per la salvezza dei peccatori. Oggi gli occidentali saltano il giudizio sacerdotale sulle bestemmie teologiche dei cristiani, che è quanto invece ancora compiono i musulmani applicando la Sharia, e procedono direttamente al giudizio statale o imperiale (Unione Europea?) sui presunti reati penali degli stessi, per i moderni farisei non v’è scusa migliore per commettere ingiustizia nè divinità più apollinea a cui offrire sacrifici umani di una legge anonima e senza volto, che in democrazia è la perfetta maschera dietro a cui si nasconde la sete di sangue del popolo sovrano e di ogni giudice tristo.

(pubblicato dall’autore anche nella sezione Hyde Park Corner de Il Foglio.it, 17/09/11)

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 15 settembre 2011 in Attualità, Cristianesimo, Diritto

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il sesso degli angeli

L’Accademia delle Scienze Americana riporta oggi la tesi, risultato di una ricerca scientifica, che i maschi sarebbero naturalmente progettati per avere figli, e come prova di ciò ne sia che alla nascita di quest’ultimi i livelli di testosterone nel maschio si abbassano per consentire alla prole di essere accolta e accudita dal novello padre, che invece in precedenza era anche fisiologicamente incline all’aggressività e alla competizione, qualità inadatte alla progenitura. La biologia moderna ci dimostra quello che qualsiasi adolescente in tempesta ormonale può immediatamente capire, ovvero che il maschio è fatto per accoppiarsi con una femmina, la natura non può contraddire se stessa e per questo appronta i mezzi fisiologici affinchè il frutto della procreazione sia favorito al suo nascere e non vada perduto a cagione della ferinità dei procreanti. L’istinto materno e quello paterno sono comuni agli uomini e agli animali, non sono virtù etiche o dianoetiche, per questo è impossibile che non abbiano una base biologica (livelli di testosterone), e se non esistessero la vita tutta su questa terra non avrebbe mai oltrepassato Adamo ed Eva. A questa semplice considerazione scientifica sopraggiunge poi come avvoltoio sul morto la cultura moderna, democratica ed egualitaria, che non può concepire alcuna virtù e in ragione di questo femminilizza i costumi, ovvero indebolisce la vita in favore del benessere. La virtù è per definizione l’essenza di un vir, di un uomo, e come dice Aristotele è aristocratica (anche qualora a praticarla sia un plebeo), è cioè un metro di diseguaglianza fra gli uomini e per questo nei regimi democratici le sue varie forme sono schernite e sostituite dai loro contrari, che non sono virtù in quanto sono alla portata di chiunque, inclinazioni in discesa di anime vegetanti. In tal modo l’età moderna chiama bigottismo la devozione agli Dei e le sostituisce l’idolatria, chiama arroganza l’alterigia e la magnificenza e sostituisce loro l’abiezione e il cattivo gusto, chiama aggressività l’onore e gli sostituisce l’accidia e la viltà, e così via. Per gli antichi il contrario di ogni virtù era compendiato nell’animo femminile, non si concepiva una virtù che fosse pegno di femmina, il cristianesimo ha rovesciato questo assunto mostrando che se le virtù cardinali sorgono fiere dall’anima dell’uomo sono invece le donne a perseguire più facilmente quelle teologali, altrimenti non si capisce come una fanciullina adolescente di stirpe ebraica sia potuta divenire la Regina dei Cieli. La cultura moderna è partita da questo per concludere con un paralogismo che se tutti (uomini e donne) hanno delle virtù, allora tutti devono avere le stesse virtù, da cui la femminilizzazione del maschio e la mascolinizzazione della femmina, che infine si trovano a coincidere nella mostruosità palese e sterile del transessuale. L’androgino, l’uomo di cultura, l’intellettuale, sono tutte figure mitiche e sinonimiche che ricorrono in ogni epoca di decadenza e preludono sempre alla conquista della civiltà decadente da parte di una più forte che ancora onora i costumi dei suoi padri antichi e li pratica come virtù; così è accaduto alla Grecia conquistata da Roma e a Roma conquistata dai barbari e così accadrà anche all’Europa in via di conquista…inutile chiedere da parte di chi!

 
 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,