RSS

Archivi tag: Economia

Odi, sorella, come note al core / quelle nel vespro tinnule campane / empiono l’aria quasi di sonore / grida lontane? (G. Pascoli)

Un sacerdote cosentino ha deciso di far suonare le campane della sua chiesa a morto per ogni bambino abortito nell’ospedale locale. Cristo ha comandato agli apostoli di gridare i suoi insegnamenti dai tetti, se ogni parroco cattolico adottasse questa misura di testimonianza della verità, che è in questo caso la verità di un uomo assassinato, l’Europa intera risuonerebbe a intervalli brevissimi e regolari del funebre scampanio che chiama in giudizio il nostro peccato. Il senso del peccato muore perchè nessuno ricorda agli uomini cosa è peccato, per il moderno uomo irreligioso ogni atto nefando è alfine innocente, i preti stessi si ripiegano sulla pastorale dei comportamenti e rinunciano ad ammaestrare le nazioni e ad insegnare loro l’osservazione di quanto comandato dal Maestro, contravvenendo così esplicitamente alla loro missione (cfr. Mt 28, 19-20). Le campane delle nostre chiese sono le stesse che hanno salvato ogni dottor Faust e ogni Innominato dalla notte oscura della loro disperazione, chissà che in qualche angolo ignoto della terra possano anche far tramontare in qualcuno il sole freddo della superbia e indurgli il rossore vespertino della vergogna, anticamera del pentimento.

 
1 Commento

Pubblicato da su 19 ottobre 2011 in Attualità, Cristianesimo, Filosofia

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Il Sacco di Roma

Ogni invasione di Roma segna l’ingresso della civiltà in un tempo apocalittico, così è accaduto col Sacco di Alarico, con Porta Pia, con la Marcia fascista e così accadrà -forse- anche con l’orda degli indignados. Gli antichi conoscevano l’inviolabilità sacrale dell’Urbe e per questo ricordavano come intervento pressochè divino lo starnazzamento delle oche del Campidoglio, sacre a Giunone, che salvarono la capitale dall’invasione dei Galli. Oggi l’eclissi del sacro ci spinge a ripiegarci sui numeri impietosi della devastazione, la conta dei danni è oggi l’unica numerologia che interessa alla penna monumentale degli storici, surrogata in prima battuta da quella effimera dei giornalisti. Gli ideali degli uomini sorgono e tramontano, la violenza di Caino invece è imperitura, per questo l’unica analogia di questo infausto 15 ottobre con gli episodi degli anni ’70 sono le vetrine infrante, i poliziotti feriti e le statue della Vergine profanate. Il tramonto delle ideologie ha infatti comportato la spoliazione del peccato dal suo travestimento angelico, oggi il Nemico può già iniziare a presentarsi col suo vero volto senza più bisogno di rifarsi a scusanti ragionevoli o a filiazioni partitiche e -cosa ancor più grave- senza più timore di trovare ostacoli od oppositori consistenti davanti a sè; anche i buoni pretesti della manifestazione sono stati smessi a pochi minuti dal suo inizio, cosicchè abbiam potuto vedere uno scorcio di Inferno già su questa terra. Ciò che però si richiede a uno Stato, secondo il patto hobbesiano, è che eserciti pienamente la sua forza per conservare la vita dei suoi cittadini, nella quale sono compresi anche i loro beni, in caso contrario il patto è ipso facto decaduto e lo Stato cessa di essere legittimo. Ora, se è vero, come dicono, che è stato ordinato agli agenti di non reagire ma soltanto di resistere all’orda dei manifestanti, al fine di evitare “il morto”, ci viene da chiederci: a che scopo lo Stato continua ad esistere?

 
 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Le 120 giornate di Sodoma

A Strasburgo i nostri rappresentanti hanno approvato a maggioranza quasi assoluta una risoluzione che riconosce agli omosessuali, fra le altre cose, il “diritto alla famiglia”. Abbiamo così avuto certificazione, se mai ne avessimo avuto bisogno, che la lezione magistrale del Papa al Bundestag è stata un’ennesima perla gettata ai porci che si ingozzano ad ogni trogolo parlamentare: il diritto positivo è fondato su un paralogismo e come tale è fonte vivace di paradossi, spinto al suo estremo non si limita più soltanto a consentire l’innaturale ma pretende anche di ratificare  l’impossibile. Questo del parlamento europeo è un paradigmatico esempio di potere esercitato separatamente dalla giustizia: se la natura ha concesso la generazione solo fra un maschio e una femmina non si comprende in che modo si possa estendere tale diritto anche a due maschi o a due femmine se non prima spogliandone i suoi detentori originari, la cui complementarietà sessuale e genetica diverrebbe dunque funzionale alle pretese degli omosessuali. In tal senso ben si coniugano queste pretese, che sono in sostanza l’accesso all’istituzione matrimoniale (e alle sue prerogative economiche) e l’adozione di bambini, con l’impotentia generandi che flagella le coppie occidentali, le quali possono così trovare uno sfogo sensato alla fregola e magari un profitto extra-lavorativo nel produrre figli per altri. Il diritto, preso in quest’accezione, diviene l’arte fraudolenta di aggirare i decreti immutabili della natura, delegando alle propaggini mefistofeliche della tecnica il compito di realizzare i sortilegi promessi dal patto faustiano stretto da un popolo con i suoi governanti, i quali dovranno quindi assicurare non solo figli ai sodomiti ma anche metamorfosi transessuali, elisir d’eterna giovinezza, pozioni infanticide, vite di durata biblica e qualsiasi altro parto mostruoso della fantasia il cui costo si possa scaricare sull’assistenza sanitaria. Quando i diritti umani oltrepassano i diritti naturali divengono diritti divini, e questi agli uomini non sono concessi.

(pubblicato dall’autore anche nella sezione Hyde Park Corner de Il Foglio.it, 29/09/11)

 
1 Commento

Pubblicato da su 29 settembre 2011 in Attualità, Diritto, Filosofia, Politica, Scienza

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Imprimi non potest

Le magistrature italiche colpiscono ancora! Non contente di tenere in assedio inquisitorio l’esecutivo e di vanificare a colpi di sentenze ogni provvedimento governativo si dedicano ora alla censura di libri, indice peraltro di una senilità ideologica che non comprende l’inutilità del bruciare carta nell’epoca degli ebooks, dei blog e della pirateria cibernetica a portata di adolescente. E’ stata infatti ordinata una multa a molti zeri per gli autori del libro “Falce e carrello”, che denuncia tutte le sozzure delle Coop rosse, e il ritiro dalle librerie del saggio, del quale a quanto pare è stata proibita anche la ristampa. In tempi di pubblica impudicizia e di libera calunnia, dove chiunque in tv può dare del ladro o del mafioso al Presidente del Consiglio senza pagarne lo scotto, fa specie constatare che le toghe nostrane non si danno neanche la pena di nascondere la propria malizia, siamo andati persino oltre l’ipocrisia, perchè ipocrita è chi dissimula i propri veri fini sotto ragioni pretestuose, mentre qui ragioni e fini coincidono e sono chiarissimi a tutti. Per quanto ancora Palamara e la sua casta impellicciata credono di poterla dare a bere all’intera popolazione sostenendo l’estraneità della magistrura dal normale conflitto politico? Il fatto che alcuni ancora ci credano è il segno che forse non ci meritiamo la democrazia.

AGGIORNAMENTO: Il libro “Falce e carrello” di Bernardo Caprotti si può leggere gratuitamente su internet all’indirizzo: http://www.scribd.com/doc/65517627/Bernardo-Caprotti-Falce-e-Carrello , oppure si può acquistare sempre su internet all’indirizzo: http://www.ibs.it/code/9788831793728/caprotti-bernardo/falce-carrello-mani.html . Fate in fretta prima che lo facciano sparire!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 settembre 2011 in Attualità, Diritto, Politica

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

L’inoltrepassabilità del suicidio. In morte di Mario Cal

In tutte le foto che lo ritraggono appare sorridente Mario Cal, il dimissionario vicepresidente del San Raffaele e amico fraterno di don Verzè che stamane si è suicidato nel suo ufficio con una schioppettata. La stampa appone sul coccodrillo di ogni anima perduta il sigillo beffardo di un sorriso, a testimoniare che l’occhio onniveggente dei media non può penetrare il segreto dei cuori. Il volto restituisce all’occhio attento le increspature superficiali di sommovimenti correntizi profondi, ma l’immagine statica di una smorfia facciale non può rappresentare sul piano bidimensionale l’universo complesso dell’anima di cui il volto quadridimensionale è già compressione e crittogramma. Per ottemperare al principio di ragion sufficiente e a quello di causa-effetto l’investigatore della verità chiude la sua indagine con una spiegazione minima, “era preoccupato per la situazione finanziaria”, si conclude una vita con la ragione dei calcoli mentre a rodere le menti degli uomini sono i debiti contratti con Dio, che a noi si mostrano nella forma di quei sogni tramutati in incubi dalla zampa caprina di Mefistofele in calce al nostro patto segreto con lui. Il sogno è una sonda aerostatica lanciata nelle regioni astrali della felicità celeste, per rimanere in quota anche durante la veglia necessita l’insufflazione costante di fortuna o di denaro dentro al pallone altrimenti vuoto della sua consistenza terrena, per questo motivo il principe di questo mondo è in qualche misura creditore di tutti i potenti e li eleva o li abbassa a suo piacimento. Il suicidio è un’oblazione volontaria del corpo per la salvezza dell’anima, cioè dell’onore, per questo per lo stoicismo così come per la gnosi orientale è il compimento della virtù del saggio, ma sotto alla cupola cristiana su cui svetta l’arcangelo Raffaele, medicina di Dio, il corpo è l’àncora dell’umiltà, sola condizione in cui Dio può essere accolto e concepito, ed è l’anima dunque a dover essere oblata al fine di riaverla transustanziata come Spirito Santo. Maria è perciò colei che ha operato nella storia la vera trasvalutazione di tutti i valori, non si può più tornare con Nietzsche e con Seneca oltre Nazaret. Il cordoglio che attanaglia i cuori di tutti coloro che come me hanno vissuto, transitato o anche solo sostato sotto la grande cupola raffaeliana, di cui Mario Cal è stato mano invisibile dell’edificazione accanto a quella visibile di don Verzè, riguarda proprio l’inoltrepassabilità di quel gesto violento che ha segnato un’anima e il suo destino, macchiandone di sangue anche la mirabile opera terrena.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 luglio 2011 in Attualità

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lo stilitismo della magistratura

Nelle future cronache dei nostri tempi il discorso di Marina Berlusconi su Panorama dovrebbe tenere il posto della voce trasalente dal sangue dei vinti, come quella del sangue di Abele che chiama Dio a rendergli giustizia. La verità processuale è una ricostruzione probabilistica dei fatti, ovvero una finzione retorica, e qualora sia inficiata da fondati sospetti di vizio pregiudiziale o persecutorio diventa epitome di un sovvertimento dell’ordine civile, in altre parole i mascalzoni assurgono allo scranno dei giudici e gli uomini perbene siedono al banco degli imputati…con prevedibile risultato! Il caso Berlusconi non sarebbe nè il primo nè l’ultimo in cui la negligenza o la malizia della nostra casta togata ha reso colpevole l’innocente e innocente il colpevole, magari con la meschina complicità del potere inutile ma persuasivo di qualche redattore di testata. Manzoni ha insegnato a diffidare dai giudici e dai verdetti dati in tempo di isterie collettive, l’Italia è già un invisibile colonnato infame che solo un omertoso reset di memoria storica può vanamente tentare di cancellare. Ancora oggi si celebrano con fanatico sdegno e commozione i processi di Giordano Bruno e di Galileo al solo scopo di infangare la Santa Chiesa ma intanto non si compie lo stesso rito secolare, ad esempio, per i processi di Tortora o di Muccioli, col pretesto che la responsabilità di quegli iniqui giudizi ricade formalmente sullo Stato, che è inimputabile, invece che sui singoli colpevoli morali, a comprova dello status di privilegio e di impunità che compete ai magistrati nostrani.

(pubblicato dall’autore anche nella sezione Hyde Park Corner de Il Foglio.it, 14/07/11)

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 14 luglio 2011 in Attualità, Diritto, Politica

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,