RSS

Le orecchie dell’asino collettivo

10 Set

Impazza nella rete il video in cui Renzo Bossi muta “proseguire” in “proseguére”, nell’era di Internet, di Youtube e di Facebook il pubblico ludibrio è un rito pressochè quotidiano che a tutti gli asini riuniti in fori virtuali è concesso celebrare sopra all’errore di un altro asino. Ciò che sfugge al Trota, a Di Pietro e a tutti gli altri diplomati sgrammaticati è che la lingua non è una convenzione sociale ma uno statuto poetico, se essa fosse una convenzione allora l’errore grammaticale o quello sintattico potrebbero essere tollerati in nome dell’uso comune e del dialetto di riferimento del parlante; essa invece è una norma concepita sul Parnaso e consegnata dalle Pimplee ai mortali mediante profeti ispirati, che sono poi le glorie poetiche di una nazione: così l’italiano è la norma di Dante e di Manzoni, l’inglese quella di Shakespeare, il tedesco quella di Goethe e di Holderlin e così via. Una lingua perciò nasce come codice a cui la poesia ha donato carattere non divino ma sacro (inviolabile!), per questo motivo ha valore normativo, non descrittivo, e la deviazione dalla norma linguistica, come nel codice stradale, è ipso facto infrazione da riparare. Il problema è che per l’uomo moderno la poesia non ha carattere religioso ma è coagulo di sentimento e il sentimento non è sacro, nè tantomeno può render sacro un idioma. In una società dell’istruzione pubblica obbligatoria l’errore di uno è l’errore di tutti, il titolo di studio che dovrebbe render conto della comune conoscenza diviene invece il sigillo più certo della comune ignoranza, i parametri ufficiali (statali) per separare i colti dagli incolti e soprattutto gli intelligenti dai cretini sono annullati e rimangono vigenti solo quelli non scritti della rigida selezione all’interno di ambienti claustrali e intellettualmente aristocratici. Quando la città collassa si ripiega sul monastero e sul castello, che sono i due recinti per la salvezza di una civiltà. Si profila all’orizzonte della storia occidentale un nuovo Medioevo…Deo gratias!

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 10 settembre 2011 in Attualità, Lettere

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: